Tutte le foto dei POZZI

I pozzi sono interamente scavati a mano dalle popolazioni locali che beneficeranno della struttura idrica.
La loro profondità varia da 10 a 30 mt. Lo scavo iniziale di ca 3 mt ha un diametro di 4 mt.
Il diametro dello scavo si riduce a 1,5 mt per poi scendere fino al raggiungimento della falda. Il tutto viene sigillato con mattoni pietra e cemento. Vengono posizianati i tubi e la relativa pompa.
Ogni pozzo regala acqua pulita a circa 100 persone. Nel caso in cui la falda acquifera dovvesse scendere nei periodi di grande siccità alcuni membri delle famiglie, che sono stati istruiti dai nostri tecnici, scendono nel foro di scavo e risistemano l’altezza dei tubi e relativi filtri.
Le famiglie beneficiarie danno un nome ad ogni pozzo che viene riportato sulla base di cemento dello stesso insieme ad un codice numerico e alla scritta “ASANTE” oppure “ASANTE SANA” che vuol dire “GRAZIE” – “GRAZIE MOLTO”.
Il codice numerico è diviso in KJ che identifica i pozzi del Kajiao , KT i pozzi di Kitui , GIP i pozzi di Taveta, GL i pozzi in Uganda, DR i pozzi Kajiado realizzati grazie alla Despar.
Il nome “ICIO” sui pozzi è un modo di identificare la provenienza dei supporti.
A volte viene aggiunto anche il nome del donatore su richiesta dello stesso.

CURIOSITÁ : I Maasai mi chiamano spesso in Inglese “ONE C TEN” ossia la lettera “I” iniziale e “IO” finale vengono tradotte come se fossero numeri , e quindi UNO C DIECI ( One Si Ten).

 Quando uno dichiara sfacciatamente di avere realizzato così tanti pozzi… beh, vengono dei legittimi dubbi. mi sa che sia una balla!

Sopratutto quando viene consegnata al donatore una foto del pozzo e una targa con tutti i dati.

Potrebbe essere lo stesso pozzo, la stessa foto consegnata a tutti.

E allora per non avere più dubbi ho ritenuto opportuno inserire le foto di tutti i pozzi con i relativi codici alfa-numerici e i nomi dei donatori che hanno chiesto di vedere il proprio nome sulla base del pozzo.

In questo modo , controllando il codice e il nome del pozzo ,il donatore potrà vedere che il suo pozzo è “solo il suo pozzo”.

Mah… allora non è una balla

 ECCO LE FOTO DEI POZZI

CERCA QUI IL TUO POZZO

[ivory-search id=”2377″ title=”Ricerca nei Media”]